Cerca
  • francescobarilaro

La regola dei grigi o i 10 comandamenti per una buona fotografia in bianco e nero

Come creare una buona fotografia in bianco e nero, sapendo che si tratta solo di luce? In altre parole, cosa rende "buona"una fotografia in bianco e nero?


1. Regole grigie. C'è solo un colore nella fotografia in bianco e nero che è davvero interessante: il grigio. Non bianco o nero, ma il grigio. Il nero è la completa assenza di luce e il bianco ovviamente la completa presenza di luce. Quando parliamo di fotografie in bianco e nero non stiamo davvero parlando di una fotografia composta solo da un tono bianco o nero. Sono i meno interessanti. No, parliamo dei toni di grigio. Il nero è il tono di grigio più scuro, privato di tutta la luce, il bianco è il tono di grigio più chiaro, esposto con troppa luce. In entrambi i casi non vediamo nulla, perché o è troppo luminoso o non c'è luce. Aggiungi un po 'di luce al nero e hai un tono grigio scuro, rimuovi un po' di luce dal bianco puro e hai un tono di grigio chiaro. C'è solo un tono di nero puro e c'è solo un tono di bianco puro, ma ci sono 253 sfumature di grigio.

2. Contrasto tonale selettivo. Qualsiasi buona fotografia in bianco e nero ha un contrasto. In una foto l'occhio è sempre attratto dall'area che presenta il maggior contrasto. Se c'è un'area nell'immagine che ha il nero puro contro il bianco puro, quell'area riceverà tutta l'attenzione. Se crei un'immagine con un contrasto eccessivo che non è stata scelta con cura, l'occhio andrà su tutta l'immagine e non sa dove guardare. Come creare il contrasto in modo corretto? Non è solo questione di graduare il pulsante del contrasto. Si tratta prima di analizzare dove vuoi che l'occhio guardi. Se lo fai bene, inizi con la creazione di contrasto inserendolo correttamente nella fotocamera con la tua DSLR o qualsiasi altra fotocamera, ma anche se non lo fai correttamente nella fotocamera perché la luce non è perfetta, puoi sempre creare più contrasto in post produzione nelle aree delle immagini che hai selezionato come quelle più interessanti. Questo è uno dei vantaggi della conversione del colore in bianco e nero. Puoi semplicemente creare contrasto dove non c'era contrasto e rimuovere dove c'era una volta. Se hai una fotografia a colori che ha un soggetto con una maglietta blu su uno sfondo blu, il soggetto svanirà sullo sfondo. Ma puoi decidere in post-produzione di tradurre lo sfondo blu in valori tonali diversi rispetto al soggetto con la maglia blu. La libertà di conversione in bianco e nero. Creare contrasto o migliorare il contrasto dovrebbe essere fatto con attenzione e in modo molto selettivo e non solo schiarendo i bianchi e scurendo i neri.

3. Separazione tonale. A differenza delle foto a colori, i diversi oggetti nelle foto in bianco e nero che si intersecano o si sovrappongono non sono separati da colori ma da sfumature di grigio. Se gli oggetti che si intersecano o si sovrappongono hanno la stessa tonalità di grigio, questo dovrebbe essere "corretto" manipolando questi toni fino a quando hanno valori più lontani l'uno dall'altro. Più differiscono nei valori, migliore è la separazione degli oggetti, maggiore sarà la presenza e la profondità.

4. Presenza e profondità. Ciò che l'occhio umano può vedere ha una gamma dinamica molto maggiore di quella che la fotocamera più costosa può catturare. Aggiungete ad esso che ciò che la mente può fare di più e ciò che l'occhio può vedere e questo si traduce nel percepire una situazione, un oggetto o un luogo, in un modo molto diverso da quello che una macchina fotografica potrebbe mai fare. L'atto di percepire è un atto umano ed è il culmine dell'esperienza personale e dei processi fisici ed emotivi individuali in combinazione con e come risposta a ciò che gli occhi vedono. La macchina può solo registrare e 'vedere' ma non percepire, questo è qualcosa di riservato solo alla mente umana ed è ciò da cui ha origine l'arte. C'è un articolo molto interessante chiamato “ La stampa in bianco e nero"Di George DeWolfe, che costituisce la base di ciò che faccio nella post-elaborazione della fotografia in bianco e nero. Riguarda l'importanza di creare presenza e differenza tra luminosità e luminanza. Ecco una citazione importante da quell'articolo: "La differenza fisica di base tra i due stati - Luminanza e Luminosità - è in gran parte quella di definire i bordi e alterare il contrasto". Ciò a cui ogni buon fotografo in bianco e nero dovrebbe mirare è creare presenza esprimendo nella sua foto ciò che noi come esseri umani e fotografi percepiamo - invece di esprimere solo ciò che vediamo - alterando i contrasti e le relazioni tonali e definendo i bordi in modo tale che doni luminosità a un oggetto. In altre parole: che dia volume e profondità a quell'oggetto e quindi all'intera immagine.

5. Riduci al minimo l'uso del nero più scuro e del bianco più luminoso. I toni di grigio possono essere separati tra toni di grigio acromatici e toni di grigio cromatici. I toni di grigio acromatici sono toni i cui valori di rosso, verde e blu sono esattamente uguali. L'argento, ad esempio, ha i valori di colore (192,192,192) e il grigio, non essendo grigio scuro, medio o grigio chiaro, ha i valori (128,128,128) e sono esattamente nel mezzo. I toni di grigio cromatici o grigio scuro come il platino sono toni di grigio che non hanno valori di colore rosso, verde e blu uguali. Ci sono 256 sfumature di grigi acromatici che variano da (0,0,0) che è completamente nero a (255,255,255) che è completamente bianco. Quindi, quando parliamo di fotografie scure e di basso profilo, parliamo di usare toni più chiari di (0,0,0): usa questi valori più scuri solo per una piccola percentuale nell'immagine ma non in quelle aree della foto che contengono dettagli dovrebbe essere visibile.

6.Utilizzare zone tonali adiacenti alla zona 0 per fotografie low-key. Quando crei una fotografia in bianco e nero, quasi tutti i fotografi in bianco e nero sanno quanto sia importante coprire una gamma tonale completa, dalla zona 0 o (0,0,0) alla zona 10 (255, 255, 255), cioè quello che Ansel Adams ci ha insegnato. Tuttavia, ciò non significa che quando crei un'immagine scura low-key, che puoi descrivere approssimativamente come un'immagine con l'enfasi sulle zone tonali da 0 a 4, dovresti usare il nero puro dalla zona tonale 0 per creare il nero. No, evita sempre di usare il nero puro il più possibile perché il nero è solo completa assenza di luce, non ci sarà alcuna definizione. Utilizzare invece la zona tonale adiacente alla zona 0: zona 1 e zona 2. Utilizzare la zona tonale 0 solo per una piccola percentuale, per completare la copertura della gamma tonale. Il risultato è che avresti comunque un'immagine molto scura e low-key, ma con un effetto setoso e molto sottile che non è duro per gli occhi ed è molto più estetico. Semplicemente perché puoi ancora vederlo insieme a tutti i dettagli che sono in esso. Ricorda, il nero puro è assenza di luce, non puoi vedere senza luce.

7.Utilizzo di zone tonali adiacenti alla zona 10 per fotografie high-key. Lo stesso vale per la creazione di un'immagine high-key che può essere approssimativamente descritta come un'immagine con l'enfasi sulle zone tonali da 7 a 10. Se si desidera creare luminosità, luci accattivanti, utilizzare le zone adiacenti alla zona tonale 10 : zone 9 e 8. E proprio come nelle immagini low-key utilizzare la zona tonale 10 per completare la copertura della gamma tonale. La Zona 10 è la presenza completa della luce, eliminando ogni ombra, ogni dettaglio, proprio come fa la completa assenza di luce.

8. Sottili transizioni tonali. Guardando come si comporta la luce su un oggetto, su una superficie è come se guardassi da vicino, molto da vicino con un occhio perspicace; allora vedrai che la luce passa dall'oscurità alla luce e dalla luce all'oscurità in modi molto sottili, a volte anche così sottile che l'occhio inesperto non lo vede. La luce non ha mai la stessa intensità su tutte le aree di una superficie: sfuma da scuro a chiaro e viceversa continuamente. È questo aspetto della luce che dà sostanza a un oggetto, che conferisce a un oggetto le sue dimensioni e profondità, che determina le forme e le linee di un oggetto. Capire come la luce rende queste sottili transizioni dall'oscurità alla luce e dalla luce all'oscurità e come crearle in modo molto sottile in una fotografia in bianco e nero è la chiave per una grande fotografia in bianco e nero. Ma le transizioni devono sempre essere molto sottili poiché la natura non conosce una transizione, dura dalla luce all'oscurità o viceversa su una superficie ininterrotta, a meno che non stiamo guardando le ombre, o gli angoli e i bordi.

9.Mid gray magic. Un altro aspetto importante correlato all'avere una gamma tonale completa è la giusta quantità di contrasti nei punti giusti, è avere abbastanza toni di grigio medio nella foto per renderla visivamente piacevole e per non essere sopraffatta dai contrasti. Ci sono molte teorie sul perché i toni del grigio medio giocano un ruolo importante in una buona fotografia in bianco e nero, ma personalmente penso che tu abbia bisogno di un terreno neutro dove l'occhio possa `` rilassarsi '' all'interno dell'inquadratura, invece di cercare un rifugio al di fuori la cornice. E penso che i toni argentati del grigio medio aggiungano molto alla ricchezza di una buona fotografia in bianco e nero. Se guardi le fantastiche fotografie in bianco e nero, guarda quante di loro hanno quei toni di grigio medio argenteo per compensare il dramma e i contrasti in una foto in bianco e nero.

10.Stile e tonalità della firma personale. Un grande fotografo in bianco e nero sa sempre di lasciare qualcosa della sua personalità, il suo stile inconfondibile, nella sua fotografia. Uno stile distintivo può consistere in un argomento specifico, uno stile di composizione e uno stile di trattamento e approccio alla fotografia in bianco e nero, un tema narrativo o uno stato d'animo specifico che è stato creato ed è facilmente riconoscibile. Molto spesso è una combinazione di questi singoli elementi, ma cerca sempre di fare la differenza con il maggior numero possibile di questi elementi per creare uno stile altamente individuale. Uno degli elementi in cui puoi separarti è cercare di creare una "tonalità distintiva". Personalmente, quando creo una fotografia in bianco e nero low-key o qualcosa tra low-key e high-key, diciamo mid-key, ci sono alcuni toni che mi piacciono di più: è la ricchezza e l'oscurità, ma con uno scorcio di luce su di esso dalle zone tonali 2 e 3 mescolate insieme. Queste zone tonali hanno una tale ricchezza di toni che può far risaltare un'immagine. Non sono sicuro del perché, e ovviamente è altamente soggettivo, ma la mia ipotesi è che una delle regole dei grigi affermi che il nero puro della zona tonale 0 non dovrebbe essere usato perché è completa assenza di luce. Mentre la zona tonale 1 dovrebbe essere utilizzata principalmente per creare l'oscurità in un'immagine con pochi tocchi della zona tonale 0. La prima zona tonale dopo 1 che non viene utilizzata per creare l'oscurità in un'immagine è la zona tonale 2: ha l'oscurità di 1 con una promessa di luce. Lo stesso vale per la zona tonale 3 in misura simile. È l'alba dei grigi, l'alba di ciò che sarà finalmente rivelato nella tua immagine in bianco e nero.


Post recenti

Mostra tutti
  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter

© Francesco Barilaro - Tutti i diritti sono riservati